L'arresto di Irving: ridicolo, più che vergognoso

Avendo qualche credenziale come filoisraeliano e filosemita, mi permetto di scrivere che l'arresto da parte delle autorità austriache dello storico inglese David Irving (qui il lancio dell'Associated Press), negazionista dell'Olocausto e giustificazionista del nazismo, è un provvedimento illiberale ridicolo prima ancora che vergognoso. Le leggi austriache catalogano come crimine la negazione dell'Olocausto. Ma uno Stato che ha paura delle tesi storiche, per quanto indecenti e infondate come quelle di Irving, al punto da incarcerare chi le sostiene, mostra di essere costruito su valori assai fragili. Arrestare Irving non è una prova di forza, ma un'enorme ammissione di debolezza.

Aggiornamento. Chi vuole leggere il dibattito che il post sta provocando su Libero.it (Acm, indaffarato, non partecipa) lo trova qui.

Post popolari in questo blog

Prodi: "Il voto di fiducia è andato meglio che nel '96". Ma è una bugia

La triste parabola di Marco Follini

Berlino Est 1961-1989: si scappava così