giovedì, settembre 29, 2005

Wikipedia riscrive l'affaire Prodi

Non è una cosa grave. E' però una cosa ridicola. Che rafforza in me tutta la sfiducia che nutro nei confronti dei cosiddetti progetti "open": nonostante tutto lo sbrodolamento che ci si fa in proposito, Wikipedia e compagnia mancano della caratteristica principale per essere credibili: un nome, un cognome, una faccia e magari un curriculum cui dare la responsabilità - morale, politica ed eventualmente civile e penale - di quanto sostengono. Sono di tutti, quindi sono di nessuno. Per un liberale, a ogni libertà deve corrispondere invece una precisa responsabilità.
Al dunque. Non appena la questione si è fatta politicamente calda, Wikipedia ha riscritto la vicenda processuale di Romano Prodi relativa alla vendita della Cirio da parte dell'Iri. Sbianchettando di qua, aggiungendo di là, la nuova versione risulta diametralmente opposta alla precedente.
La segnalazione mi arriva via mail dall'ottimo Mauro Zanzi (qui il suo blog). Che interviene su un mio (lunghissimo) post precedente e scrive:

«Hai presente it.wikipedia.org? L'altro ieri stavo cercando notizie sulla vicenda del falso in bilancio e sono capitato su questo url dove si poteva leggere quanto segue:
---------
- Abrogazione del reato di abuso d'ufficio non patrimoniale
Secondo questa riforma, nel caso in cui un pubblico ufficiale commetta un abuso d'ufficio, cioè un atto contrario ai suoi doveri d'ufficio, ciò non è più considerato reato se non si dimostra che da tale abusone ha anche avuto un vantaggio quantificabile. Tale riforma ha portato ad esempio alla fine prematura dell'inchiesta di Affittopoli e all'assoluzione di due ex presidenti del Coni, Mario Pescante e Bruno Gattai, per 959 assunzioni senza concorso. Inoltre il 22 Dicembre 1997 questa riforma che fu approvata quando Romano Prodi era presidente del Consiglio, fu una delle motivazioni grazie alle quali il gup respinse il rinvio a giudizio dello stesso Prodi per uno dei capi di imputazione del caso Cirio; gli altri capi d'imputazione invece caddero perchè le accuse non reggevano.
- Depenalizzazione di fatto dell'abuso d'ufficio patrimoniale
L'abuso d'ufficio patrimoniale rimane solo nel caso in cui sia commesso con l'intenzione di favorire una persona e sfavorire i suoi concorrenti. Inoltre la pena massima viene ridotta da 5 a 3 anni: ciò ha conseguenze significative sulle indagini, infatti elimina la possibilità di custodia cautelare e di effettuare intercettazioni. Inoltre i termini per la prescrizione passano da 15 a 5 anni (nel caso di attenuanti generiche, che vengono concesse quasi sempre agli imputati incensurati). Ciò mette a rischio la possibilità di portare a termine i processi, dato che in Italia è quasi impossibile che l'itergiudiziario (inchiesta, udienza preliminare e tre gradi di giudizio) duri meno di 5 anni. Tale riforma porterà ad esempio alla prescrizione degli abusi partimoniali dei dirigenti del Sisde.
---------
Quando ho fatto il reload della pagina poco più tardi ho trovato quest'altra versione (fai attenzione a come finiscono i 2 paragrafi. Noti qualche differenza?):
---------
- Abrogazione del reato di abuso d'ufficio non patrimoniale
Secondo questa riforma, nel caso in cui un pubblico ufficiale commetta un abuso d'ufficio, cioè un atto contrario ai suoi doveri d'ufficio, ciò non è più considerato reato se non si dimostra che da tale abuso ne ha anche avuto un vantaggio quantificabile. Tale riforma ha portato ad esempio alla fine prematura dell'inchiesta di Affittopoli e all'assoluzione di due ex presidenti del Coni, Mario Pescante e Bruno Gattai, per 959 assunzioni senza concorso.
- Depenalizzazione di fatto dell'abuso d'ufficio patrimoniale
L'abuso d'ufficio patrimoniale rimane solo nel caso in cui sia commesso con l'intenzione di favorire una persona e sfavorire i suoi concorrenti. Inoltre la pena massima viene ridotta da 5 a 3 anni: ciò ha conseguenze significative sulle indagini, infatti elimina lapossibilità di custodia cautelare e di effettuare intercettazioni. Inoltre i termini per la prescrizione passano da 15 a 5 anni (nel caso di attenuanti generiche, che vengono concesse quasi sempre agli imputati incensurati). Ciò mette a rischio la possibilità di portare a termine i processi, dato che in Italia è quasi impossibile che l'itergiudiziario (inchiesta, udienza preliminare e tre gradi di giudizio) duri meno di 5 anni. Tale riforma porterà ad esempio alla prescrizione degli abusi partimoniali dei dirigenti del Sisde. Prodi, che era presidente del Consiglio all'epoca, fu invece pienamente prosciolto dall'accusa di abuso di ufficio relativamente al caso Cirio, senza alcun riferimento a questa legge».


Come avrete capito, per maggior comodità di chi legge ho evidenziato in bold le differenze tra i due testi.
Il testo attuale della pagina in questione lo trovate a questo link.
Il testo "vecchio" è ancora disponibile come pagina cache di Google a questo link.
Chi vuole sorbirsi il mio lunghissimo post sulla vicenda e capire come sono andate le cose può invece mettere il mouse e fare click su questo link.
Grazie a Mauro Zanzi, ovviamente, per il divertente spunto.

Etichette: