mercoledì, settembre 07, 2005

Girotondo sui cadaveri

No che non poteva mancare Sean Penn. O Pierce Brosnan. O il solito rapper. Di Spike Lee si è già detto. Ce ne sono tanti altri, a partire da Michael Moore, e li trovate qui su NewsMax. Conto in banca a parte, i Nanni Moretti d'Oltreoceano sono come quelli di casa nostra. Trombati a ogni appuntamento con le urne (là le presidenziali, qui i referendum) , i bolliti di Hollywood si vendicano scrutando ansiosi il televideo alla ricerca di una qualunque disgrazia da scaricare sul Berlusconi di turno. Qui sono costretti ad aggrapparsi al Pil che non sale o alla Salvapreviti. Negli States, dove tutto è più grande, hanno una strage da decine di migliaia di morti con la quale fare campagna elettorale.
Sean Penn, che ha definito "negligenza criminale" quella di Bush, ha caricato il suo fotografo personale sulla sua barca personale per farsi riprendere mentre tirava fuori dall'acqua i bambini di New Orleans. Una falla nello scafo lo ha costretto dopo pochi muniti a tornare indietro. Da noi, persino Paolo Villaggio avrebbe saputo fare di meglio.

Etichette: