Déjà vu

Ventuno luglio dell'anno 2000. A Milano Walter Veltroni, Piero Fassino, Massimo Cacciari, Livia Turco, Pietro Folena e altri tengono a battesimo il coordinamento Ds del nord Italia. I toni sono da evento epocale. Fassino dice: «Noi qui compiamo oggi una scelta di grande rilievo... Stiamo facendo una scelta nel Nord che interessa tutto quanto il paese. Il Nord è, per l'accumulo di sviluppo economico, tecnologico, di piena occupazione, di professionalità e di competenze, il punto più alto dello sviluppo del Paese». Veltroni: «Considero la cosa che stiamo facendo oggi un momento storico, nel senso che cambia il modo di essere del più grande partito della sinistra italiana». E così via.

Non hanno fatto nulla. Otto anni dopo sono sempre lì, a discutere se sia il caso o no di creare un Pd del Nord, davanti agli stessi problemi che intanto non sono riusciti a risolvere, usando le stesse parole, continuando a non capirci nulla come allora.

Hat tip: Left Wing.

Post popolari in questo blog

Prodi: "Il voto di fiducia è andato meglio che nel '96". Ma è una bugia

La triste parabola di Marco Follini

Berlino Est 1961-1989: si scappava così