mercoledì, maggio 02, 2007

Do the right thing (ovvero: la regola dei comunisti)

In certi casi vale la "regola dei nanetti" codificata da Giovanni Sartori. Con una piccola modifica. Scriveva Sartori: «Io mi affido alla "regola dei nanetti": una riforma elettorale che piace a loro è sicuramente cattiva per il Paese». Dove i "nanetti", ovviamente, sono «partitini, partitucci e cespugliotti» di destra, centro e sinistra. Ecco, mutatis mutandis, in casi come questo forse è meglio affidarsi alla "regola dei comunisti": se Fausto Bertinotti lo ritiene «una minaccia per la democrazia», se la feccia dei suoi elettori, comprensibilmente gasata dall'aver visto un'aula del Senato intestata a uno di loro, assalta i banchetti dei referendari in piazza San Giovanni e fa scomparire i moduli con le firme già compilati, convinta (a buona ragione) di restare impunita, ci sono altissime probabilità che questo referendum sia una cosa buona e giusta, e che valga la pena di metterci una firma. Cosa che da queste parti è stata fatta il primo giorno, accanto a Gianfranco Fini, ad Arturo Parisi e a un fottio di gente comune che vota nel modo più diverso. Brava gente, di quella che non andrebbe mai ad assalire il prossimo per il semplice fatto che la pensa diversamente.

Etichette: ,